Lettera dei Presidenti del Congresso

Cari Colleghi ed Amici, desideriamo rivolgervi un caloroso invito a partecipare al XXXIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Allergologia, Asma ed Immunologia Clinica (SIAAIC), che avrà luogo a Bari dal 16 al 18 Aprile 2020.

La Scuola Allergologica Barese, la seconda ad essere stabilita nel nostro Paese, è lieta ed onorata di accogliere a Bari questo importante evento.

Negli anni ’60 e ’70 del secolo scorso, Bari e’ stata una delle culle dell’Immunologia prima e dell’Allergologia poi, con Maestri come Chini, Bonomo, Dammacco e Tursi. Il Congresso SIAAIC si inscrive nel contesto di un vigoroso sforzo teso ad emulare l’eccellenza scientifica del passato raccogliendo a Bari, ancora una volta, tutti gli uomini di Scienza e di Medicina che, nel nostro campo, si distinguono a livello nazionale ed internazionale.

Col tema del Congresso, “La Medicina di Precisione nell’Allergologia e nell’Immunologia Clinica”, la SIAAIC sollecita tutti i partecipanti a condividere le proprie conoscenze nella ricerca e nella pratica clinica, con l’obiettivo di elevare il valore della esperienza congressuale personale e collettiva.

La Medicina di Precisione e la Medicina Personalizzata rappresentano la nuova frontiera della ricerca clinica e si basano su un approccio diagnostico e terapeutico sempre più mirato alla singola persona più che, genericamente, alla malattia.

Il nostro sarà un congresso in cui si coniugano, in una logica pratica e formativa, i più importanti aggiornamenti sulle malattie immunologiche e allergiche, con l’obiettivo di realizzare un momento di sintesi tra le attuali evidenze scientifiche nell’ambito dell’allergologia e dell’immunologia clinica  e la loro applicazione nella pratica clinica di ogni giorno.

La struttura del Congresso, infatti, è stata costruita mediante un’articolata integrazione di workshop, forum e corsi monotematici, alcuni dei quali accreditati singolarmente, che includeranno contenuti didattici interattivi ed evidence-based, per consentire al partecipante di scegliere il percorso congressuale più adatto alle proprie esigenze.

Il Congresso, per l’alto livello scientifico dei temi in programma ed il valore dei Relatori invitati, si prefigge l’ambizioso obiettivo di essere anche un momento di verifica dei progressi compiuti, anche in altri Paesi, nel campo dell’Allergologia e dell’Immunologia Clinica.

Infine, non ci lasceremo sfuggire l’occasione di mostrarvi alcune bellezze naturali e architettoniche della nostra Regione: il Gargano, il Salento, la Valle d’Itria, le Cattedrali Romaniche, i Castelli Federiciani e i suoi meravigliosi borghi.

Cari amici, vi aspettiamo a Bari.

I Presidenti del Congresso
Luigi Macchia, Eustachio Nettis, Angelo Vacca

BARI

Bari è un comune italiano di 320 257 abitanti, capoluogo della regione Puglia.

È il nono comune italiano per popolazione, terzo del Mezzogiorno dopo Napoli e Palermo. La sua area metropolitana è la sesta d’Italia con quasi 1 300 000 abitanti.

È nota anche per essere la città nella quale riposano le reliquie di San Nicola. Tale condizione ha reso Bari e la sua basilica uno dei centri prediletti dalla Chiesa ortodossa in Occidente e anche un importante centro di comunicazione interconfessionale tra l’Ortodossia e il Cattolicesimo.

Bari ha una solida tradizione mercantileimprenditoriale e da sempre è punto nevralgico nell’ambito del commercio e dei contatti politico-culturali con il Medio Oriente. Il suo porto è il maggiore scalo passeggeri del mare Adriatico. Dal 1930 si tiene a Bari la Fiera del Levante, tra le principali esposizioni fieristiche d’Italia. Più recentemente la città è diventata sede del segretariato per il Corridoio pan-europeo 8.

La città si affaccia sul Mare Adriatico per una lunghezza territoriale e comunale di oltre 42 km. La sua conformazione viene spesso descritta come un’aquila con le ali spiegate, la cui testa è la piccola penisola sulla quale è sorto il primo nucleo urbano, Bari Vecchia; conformazione che si volle dare all’agglomerato e al territorio comunale soprattutto in epoca fascista.